Per fotografare la luna, fortunatamente, non servono obiettivi luminosi e quindi molto costosi, piuttosto sono necessari teleobiettivi di una certa lunghezza focale. Infatti, la luna gioca un ruolo molto particolare quando tentate di fotografarla con focali grandangolari: anche se l’occhio umano riesce a focalizzarla di una certa dimensione, la prospettiva fotografica, essendo la luna molto distante, quando la fotografate con un obiettivo con focale corta otterrete un punto bianco all’interno della vostra foto. Vi suggeriamo, quindi, di utilizzare focali dai 100mm in sù se volete impressionare maggiori dettagli, se, invece, volete contestualizzare la luna in un paesaggio notturno, vi spiegheremo come fare più avanti.

Trovare un punto dove fissare stabilmente la vostra fotocamera è molto importante: infatti anche se per fotografare la luna non sono necessari tempi di esposizione lunghi, il teleobiettivo zoom e gli agenti atmosferici possono rischiare di far venire mossa la vostra foto. Il treppiede non è indispensabile (potreste trovare anche un punto di appoggio comodo e attivare lo stabilizzatore d’immagine per essere certi di non sbagliare), ma il nostro consiglio, però, rimane sempre quello di utilizzare un buon treppiede, così da permettervi anche di poter sperimentare con doppie esposizioni.

Se non possedete uno scatto remoto potete sempre ricorrere a un vecchio trucchetto: impostate lo scatto ritardato a 5 o 10 sec, cosicchè, una volta premuto il tasto per fotografare la luna, la fotocamera avrà il tempo di stabilizzarsi senza provocare vibrazioni sull’immagine, dovute alla pressione del tasto.

A meno che non stiate pensando di fotografare esclusivamente la luna, il che risulterebbe monotono dopo solo un paio di scatti, cercate di includere un altro elemento o un bel paesaggio così da dare più forza e maggiore interesse allo scatto. Tenere bene a mente la regola dei terzi è sicuramente utile per ottenere foto di grande effetto, ma non sottovalutate anche la possibilità di rompere gli schemi per ottenere foto semplici e minimali.

Fotografare la luna non richiede troppa difficoltà, potete scattare in modalità di priorità di diaframmi, impostando il diaframma intorno agli f/8, regolando gli ISO al minimo e lasciare scegliere alla fotocamera il tempo corretto, oppure, se preferite fare tutto in modalità manuale, ecco alcuni suggerimenti:

  • ISO: mantenete il valore ISO della vostra fotocamera il più basso possibile, un valore tra i 100 e 200 è ottimale.
  • Diaframmi: regolate i diaframmi in base alle vostre esigenze per ottenere una foto alla luna (vedi punto 7), utilizzare un apertura di f/8 o f/11 è un ottimo compromesso per avere una buona nitidezza (se avete un buon teleobietivo zoom, ad esempio un 300mm, riuscite a vedere anche qualche cratere).
  • Tempi: se avete impostato la vostra fotocamera in modalità manuale, vedrete che per fotografare la luna serviranno dei tempi relativamente veloci, intorno al 1/125 sec (ovviamente dipende anche da quanti ISO e da che diaframma avete impostato e dalla luminosità della luna), regolatevi con l’esposizione e considerate di fare dei tentativi anche sottoesponendo di 1 o 2 stop.
  • Messa a fuoco: vi consigliamo di focheggiare a mano; se la vostra fotocamera è ben salda su un cavalletto potrete regolare con molta precisione la messa a fuoco, utilizzando il live-view potrete ingrandire l’immagine fino a trovare il fuoco ottimale.
  • Misurazione SPOT: impostate la lettura esposimetrica della vostra fotocamera su “SPOT”, così potrete focalizzare con precisione l’esposizione corretta esclusivamente sulla luna.
  • RAW: non è fondamentale per fotografare la luna, ma vi potrà tornare utile scattare in formato RAW per elaborare i vostri file se ne avete voglia.